Orienteering

Descrizione

Trovare il percorso giusto con le mappe e/o bussole: nella Selva o nel parco del Monumento Nazionale delle Marche. Un’esperienza per conoscere la cartografia ed imparare a leggere la bussola e/o le mappe.

Adatto a tutti eccetto le classi prime.

A chi è rivolto

2-3 elementare: utilizzo della mappa e punti di riferimento

4-5 elementare, medie, superiori: utilizzo dell’azimut e della bussola con difficoltà variabili a seconda dell’età

Organizzazione della visita

  • Accoglienza: ritrovo al Monumento di Castelfidardo o alla Fondazione Ferretti*
  • Attività: Spiegazione della rosa dei venti, riconoscimento di alcuni punti di riferimento, come ad esempio dove ricercare l’est in base alla posizione del mare e il nord nella bussola, e da qui arrivare ad orientarsi seguendo il percorso corretto.
    • Divisione in gruppi per un massimo di 5 bambini ognuno.
    • Consegna delle mappe, delle bussole (max 2 a gruppo) e delle tabelle in cui verranno trascritti i codici relativi alle lanterne posizionate secondo l’ordine sulla mappa.
    • Inizia il gioco! Una volta individuato il punto di partenza sulla mappa, ogni gruppo dovrà cercare sul campo la propria sequenza di lanterne (per ogni gruppo la sequenza è diversa) a partire dalla 1, fino ad un massimo di 12 lanterne. Le mappe riproducono lo spazio in maniera semplificata, ma adatta al riconoscimento di punti di riferimento utili all’individuazione dell’ordine delle lanterne.
    • Orientarsi è un gioco da ragazzi. Una volta recepito il meccanismo dell’orienteering il bambino scoprirà da solo che orientarsi è un gioco da ragazzi. 
  • Conclusione:  Arrivati all’ultima lanterna, il gruppo consegna la tabella ai nostri operatori per la verifica dei codici identificativi delle lanterne.

Note: 

L’orienteering è uno sport che premia chi riesce ad orientarsi con sicurezza in un territorio più o meno conosciuto, seguendo punti di riferimento dati, rispetto ad una mappa. Le tappe sono segnalate con una bandiera bianca e arancione, nel gergo chiamata lanterna. Per registrare il proprio passaggio, il gruppo deve registrare sulla tabella che gli viene fornita, il codice ad essa associato.

È nostra premura evitare che l’orienteering venga confuso per una caccia al tesoro, ponendo l’attenzione sul riconoscimento dei punti di riferimento sul campo e sulla mappa attraverso i segni cardinali.

Durata

2h circa

Costo

5€/alunno